Trame Africane è un’associazione composta solo da volontari che hanno un sogno in comune: dare a chi vive in situazioni di estremo disagio, una concreta opportunità di riprendere in mano il proprio destino. La nostra attività è rivolta prevalentemente in Kenya dove affiancati dalle Piccole Suore di S. Teresa del Bambin Gesù abbiamo costruito un ospedale e permettiamo a molti ragazzi di studiare.

 

Machaka Project

Il progetto nasce e si sviluppa a sostegno del Villaggio di Machaka, da cui prende il nome, e successivamente si espande fino a coinvolgere anche i villaggi vicini di Kiirua e Maigene.
 

Lo slogan "Abbiamo adottato tutto un villaggio" è nato dal constatare che la grande povertà dei luoghi ha privato gli abitanti di ogni cosa, compreso la possibilità di agire per determinare il proprio futuro.
 

Lungi da ogni tipo di inutile ed infruttuoso assistenzialismo, l'obiettivo è dare alle comunità un sostegno concreto, volto a migliorare le condizioni di vita degli abitanti creando reali possibilità di sviluppo e di auto sostentamento, attraverso la costruzione o il miglioramento delle infrastrutture, l'educazione sanitaria , l'istruzione, la formazione professionale, il lavoro. 
 

Grazie all'incontro con le Suore di S. Teresa del Bambin Gesù ed alla loro stretta collaborazione è stato possibile intervenire e sviluppare questo complesso progetto.

   



Ospedale

È la volontà che fa l’uomo grande o piccolo, scriveva Johann Schiller, ed è proprio grazie alla volontà dei sempre più disponibili sostenitori di Trame Africane, che l'associazione sta trasformando in realtà un sogno grandissimo: la ricostruzione dell'ospedale St. Therese di Kiirua.

Il St. Therese Hospital, grazie al contributo dei soci e degli amici di Trame Africane sarà dotato delle tecnologie necessarie e provvisto di reparti di accoglienza, pronto soccorso, due sale chirurgiche, due sale parto, del nido e di tutti i servizi pre e post operatori e avrà, alla fine di tutti i lavori, una capienza di circa 120 posti letto. Sarà un progetto interamente studiato e realizzato in collaborazione con le Little Sisters of St. Therese of Child Jesus che da anni impegnate attivamente al miglioramento delle condizioni di salute degli abitanti di Machaka, Kiirua, Timau e di tutta la regione del Meru.

È un’opera davvero grande per svariati motivi. Innanzitutto per le sue dimensioni, poiché milleduecento metri quadri di nuova costruzione, a cui in seguito si aggiungerà la ristrutturazione di tutta la parte esistente, per una struttura sanitaria in una parte del Kenya, dove il 70 % della popolazione è affetto da malattie infettive, sono realmente significativi. Ma la portata di questa iniziativa emerge anche dalle modalità della sua realizzazione, basti pensare che il cantiere ha coinvolto centinaia di lavoratori e tutti del posto. E, da ultimo, non in ordine di importanza, per i tempi di realizzazione che, grazie alla tenacia dei kenioti, si stanno dimostrando più brevi di quanto si era precedentemente programmato.

L’ospedale è un grande sogno che ogni giorno si avvera sempre di più, contribuisci anche tu, perché, se unirai la tua volontà alla nostra, tutti insieme saremo più grandi.

Istruzione

Fin dai primi colloqui con gli abitanti di Machaka ci si è resi conto che il principale desiderio della maggior parte di essi era quello di permettere ai giovani di acquisire delle competenze che solo lo studio poteva dare; perciò quella di garantire un’adeguata istruzione ai ragazzi del villaggio è diventata la seconda priorità dell’associazione.

Asilo
Nel 2004 all’interno della Missione delle Suore di S. Teresa, utilizzando le aule della stessa struttura è stato creato un asilo per i bambini dai 2 ai 5 anni. Qui essi iniziano un primo percorso di scolarizzazione, fanno merenda e pranzano tutti i giorni, e le madri che lavorano si allontanano tranquille, sicure di poter lasciare i loro figli in un ambiente sano e protetto. Inoltre i bambini vengono periodicamente visitati, sottoposti ad analisi cliniche ed eventualmente curati.

Borse di studio
Per permettere ai ragazzi e alle ragazze più meritevoli di continuare gli studi superiori sono state istituite delle borse di studio, che comprendono oltre alle tasse scolastiche, il vitto, l’alloggio presso i college, il materiale scolastico, l’abbigliamento e anche una minima rendita. Sono già più di settanta i giovani che usufruiscono di questa opportunità che oggi rappresenta la più tangibile forma di riscatto sociale, non solo per le loro famiglie, ma per l’intero villaggio. Quest’anno per la prima volta a Machaka ci saranno degli studenti diplomati, e sicuramente tra di loro ci sarà anche chi potrà intraprendere gli studi universitari.

Domestic-school
Per molte ragazze, desiderose di continuare gli studi ma ancora di più di entrare presto nel mondo del lavoro, è stata istituita a Machaka la domestic-school, un corso di studi di durata biennale in cui si insegnano, oltre alle normali materie scolastiche, laboratori tecnici per imparare taglio, cucito e lavori a maglia. Al termine dei corsi, le ragazze ricevono una macchina per cucire, lo strumento grazie al quale esse possono concretamente inserirsi nel mondo del lavoro. Ad alcune, particolarmente bisognose, è stata anche fornita una certa quantità di stoffa che consentirà loro di produrre delle sacche che l’associazione utilizza come gadgets.




Lavoro

Laboratorio di perline
A Kiirua è stato avviato un laboratorio per la realizzazione di oggetti in perline, pensato per offrire ad alcune ragazze-madri la possibilità di avere un lavoro che le renda indipendenti. A queste si sono aggiunte in pochi mesi, provenienti da zone anche molto lontane da Kiirua, ragazze con alle spalle storie di violenza, di prostituzione e di degrado familiare, tutte spinte dalla voglia di lasciarsi tutto alle spalle e di ritrovare grazie al lavoro la dignità perduta. All’ avvio del laboratorio queste ragazze erano 6, oggi dopo poco più di un anno sono diventate 26. Il laboratorio si autofinanzia attraverso la vendita di oggetti tipici della cultura africana, che diventano gadgets dell’Associazione; alcuni di essi vengono utilizzati ormai da molti come bomboniere solidali.

Cooperazione
A Kiirua un gruppo di 60 famiglie di agricoltori sta dando vita ad una prima forma di cooperazione. Hanno compreso che solo unendo le loro forze e creando un’organizzazione comune, potranno migliorare il rendimento del loro lavoro. È stato chiesto a Trame Africane un aiuto per avviare la loro attività, per acquistare un trattore, un aratro e una seminatrice, donati loro della BANCA DI CREDITO COOPERATIVO di Scafati e Cetara

Micro-credito
A Machaka è stato avviato un progetto di micro-credito, per dare la possibilità ad alcune famiglie in estreme condizioni di indigenza di prendere in affitto degli appezzamenti di terreno. Già dopo il primo raccolto esse potranno trarre da questa attività un guadagno che consentirà loro di rendersi autosufficienti. Ad altri invece, soprattutto donne, viene data la possibilità di avviare una piccola attività commerciale.

 

Associazione  Onlus Trame Africane  - Via Lepanto, 6 - 80045 Pompei (NA) - info@trameafricane.org - www.trameafricane.org

 

Come posso donare all'associazione ?
Il sistema è semplice ed hai diverse possibilità di donare i tuoi vecchi cellulari in beneficenza:

1  -  INTERNET
Utilizzare il sistema automatico di Comprocellulari.it e decidere liberamente quanto devolvere in beneficenza, clicca qui di seguito :  http://www.comprocellulari.it


2  -  VIA POSTA

Stampare il modulo che puoi scaricare qui, lo compilarlo e inserirlo in una busta chiusa insieme ai tuoi cellulari, indicando sulla busta:
Per Trame Africane Onlus
COMETOX srl  -  Via XX settembre 9 – 20080 Zibido San Giacomo(Mi)
NOTA: I cellulari inviati mezzo posta devono essere funzionanti

3  -  ATTRAVERSO I RACCOGLITORI SPARSI IN ITALIA
Donare il tuo cellulare attraverso i raccoglitori che le Associazioni hanno posto in diversi luoghi. Vedi i siti delle singole Associazioni.

 
 
 
 
© 2009  Cellulari per beneficenza  by Cometox s.r.l.  - Pta IVA : 07233890156